Qualità dell’aria interna

Normalmente l’aria che noi respiriamo giornalmente contiene approssimativamente una concentrazione di CO2 pari a 360 ppm (ovvero 360 parti di gas CO2 per milione di parti di aria). Se però noi soggiorniamo in un ambiente chiuso, per esempio se siamo a casa o in ufficio, il contenuto di CO2 può variare notevolmente. Da adulti, respirando, si effettuano più di 20,000 atti respiratori al giorno (pari a circa 14 al minuto) e quando siamo in un ambiente confinato le concentrazioni più alte di CO2 possono essere riscontrate in quelle stanze dove normalmente si trascorrono la maggior parte di ore (basti pensare che noi trascorriamo circa l’80/90% del ns tempo in ambienti chiusi) specialmente se insieme ad altre persone. Inoltre la presenza in questi ambienti di apparecchi a combustione, come un fornello o una stufa, o apparecchi che riscaldano l’aria come termosifoni, oppure lo stesso fumare una sigaretta fa aumentare la concentrazione di anidride carbonica all’interno dell’ambiente. Pertanto in tali condizioni, in luoghi chiusi, il livello di CO2 continua ad aumentare fintanto che non viene immessa aria fresca e pulita, ad esempio aprendo una finestra o adottando un sistema di ventilazione meccanica controllata.
È’ stato osservato che possono ritenersi adeguate le concentrazioni di CO2 che vengono mantenute tra i 350-800 ppm, infatti le persone con questi livelli solitamente non avvertono nemmeno il disagio di ritrovarsi a respirare aria “Viziata”. Non appena le concentrazioni di CO2 superano questi livelli si noteranno immediatamente effetti sgradevoli o malori più o meno accentuati a seconda del livello della sensibilità personale. Quando però la temperatura all’interno della stanza sale ed il livello di CO2 aumenta sopra i 1500 ppm subito si inizia ad avvertire il disagio di trovarsi in un ambiente insalubre. Al verificarsi di queste condizioni sarà cosa opportuna far sì che aria fresca venga immessa al più presto nell’ambiente.
L’Organizzazione Mondiale della Sanità a da poco coniato una nuova malattia avente il nome “sindrome dell’edificio malato” (SSD) raggruppando tutti quei disturbi che un cattivo fabbricato o l’utilizzo errati degli spazi interni può causare.L’anidride carbonica agisce sulle nostre funzioni fisiche e vitali in molti modi, può modificare la respirazione, modificare la regolare circolazione del sangue ed alterare l’acidità dei fluidi del corpo. Le prime percezioni di una esposizione a concentrazioni elevate di CO2 portano comunemente ad avvertire fastidi ben noti come una difficoltà nel respirare, mal di testa, spossatezza fisica ed una netta sensazione di “mancanza di aria”.
L’immediata introduzione all’interno dell’ambiente di aria fresca è importante perché assicura un rapido ritorno alle condizioni fisiche precedenti eliminando questi fastidi. Di solito in una casa i livelli di CO2 possono variare tanto ed essere solitamente compresi tra i 500 ed i 2000 ppm. Molti studi hanno indicano che le concentrazioni di CO2, a questi livelli, non hanno un impatto sulla salute umana, ma iniziano ad agire seriamente sulle funzioni vitali intorno a livelli di concentrazione superiori. I sintomi che si manifestano possono includere nausea o vomito, vertigini, depressione mentale, tremori, disturbi della vista, la perdita di coscienza può accadere ma solitamente si verifica in presenza di livelli di concentrazione maggiori. La serietà dei sintomi manifesti è direttamente relazionata dalla concentrazione di anidride carbonica presente nell’ambiente ed alla durata di esposizione a cui un individuo è soggetto. Gli agenti inquinanti che si possono trovare all’interno di un edificio sono molteplici, dai materiali da costruzione, agli impianti di riscaldamento, condizionamento, alla cottura dei cibi, agli arredi, ai rivestimenti (pitture murali, vernici, pavimenti etc.), fino ai prodotti per la manutenzione e la pulizia (detersivi, insetticidi etc.).
Ritengo che quello che ognuno di noi può fare è scegliere sempre più prodotti e stili di vita poco inquinanti, e il sensibilizzare o aiutare ad avere maggiore consapevolezza e conoscenza.
Sulla base di questo come già descritto in altri articoli, ho prestato attenzione al materiale usato come intonaco, alla qualità delle pitture, all’uso di un cappotto ecologico, agli infissi in legno, all’efficienza energetica e all’eliminazione di emissione di co2.
Ho approfittato di questi giorni di festa per fare alcuni test di verifica.
Il primo fra tutti è stato quello della qualità dell’aria interna.
Assieme all’ing. Sancisi e ad un misuratore di ppm, abbiamo fatto misurazioni che condivido con voi.
Innanzi tutto abbiamo misurato la qualità dell’aria esterna e ho scelto di farlo il giorno dopo una grande nevicata, giornata in cui tutto è silenzioso e ovattato con l’aria fresca e pungente. Come si vede dalla fotografia abbiamo appoggiato il rivelatore a terra per alcuni minuti e poi abbiamo fatto la lettura. Identica cosa abbiamo fatto nelle stanze interne all’abitazione e il risultato è stato pressoché simile.
Non contenti comunque del test abbiamo approfittato della vicinanza dell’ora di pranzo per ripetere il test vicino ai fornelli. Le condizioni erano quelle usuali fuochi accesi per preparare il pasto a 4 persone, cappa d’aspirazione (industriale) sopra i fornelli accesa alla massima velocità e ventilazione dolce accesa al 70% della potenza. Se si calcola che sia la cappa dei fornelli che la ventilazione, con ben tre bocchette di ripresa in cucina, erano funzionanti il risultato è alquanto sorprendente!
Per fare la prova del nove abbiamo ripetuto il test nell’ufficio dell’ing. Sancisi a fine giornata di lavoro e lascio a voi ogni commento!

About these ads

8 Risposte so far »

  1. 1

    Ganni said,

    Seguo il blog con interesse già da alcuni mesi, i risultati sulla qualità dell’aria mi sembrano buoni, ma cè un aspetto delle case passive che ho ben capito.

    Per la cucina quale delle due soluzioni è stata adottata:
    – l’aria aspirata dalla cappa sui fornelli, viene evacuata direttamente all’esterno;
    – l’aria aspirara dalla cappa sui fornelli, viene convogliata all’esterno mediante l’impianto di ventilazione dolce ed il recuperatore.

    Nel primo caso immagino che debba essere presente anche una bocchetta di entrata dell’aria pulita, ma allora la casa non è più a “tenuta d’aria”. Nell’altro caso invece la presenza di vapori della cucina andrà probabilmente ad intasare le condutture e lo scambiatore di calore del recuperatore.

    Sarei grato se potessi chiarirmi le idee.
    Complimenti comunque per la nuova casa.

  2. 2

    Salve Gianni,
    mi fa piacere che il blog ti piaccia.
    Per quanto riguarda l’aspirazione della cappa della cucina farò presto un articolo specifico, ad ogni modo ti anticipo che l’espulsione dei grassi e dei vapori di cottura avviene direttamente all’esterno per non sporcare la canalizzazione della vmc e la relativa macchina.
    La macchina della Zehnder ha due motori uno in aspirazione ed uno in estrazione. Nel momento che accendo la cappa, la Zehnder “sente” che la pressione interna cala e compensa rallentando il motore in estrazione bilanciando automaticamente i flussi.
    Si, l’energia contenuta nei fumi aspirati dalla cappa della cucina viene dispersa, ma tale energia è poca in quanto si cucina per poco tempo al giorno.
    Se si vuole recuperare questa energia occorre mettere in conto di “sporcare” la VMC con i vapori della cucina, questo non conviene economicamente si risparmia un po’ di energia ma si imbrattano i filtri che vanno poi sostituiti (ed hanno un costo). Inoltre l’imbrattatura dei tubi genera poi fenomeni di odori nefasti che difficilmente eliminabili se non con costose pulizie periodiche.

  3. 3

    AleD said,

    Per via dei fornelli a gas, hai dovuto fare anche il foro di sicurezza di aereazione verso l’esterno?

    • 4

      Ciao Ale,
      ho provveduto ad installare un sensore di fughe di gas collegato ad una valvola elettrica, in più la ventilazione è sempre funzionante. Così facendo secondo UNI7129 allegato B2 sono in regola anche senza fare il foro nel muro.
      Nella scelta del piano cottura ho poi privilegiato un modello che appena salta la corrente lui si spegne immediatamente.

  4. 5

    Andrea Camisassa said,

    Non ho ancora completato la lettura del blog, quindi puo’ darsi che questo dubbio sia gia’ risolto altrove.

    Hai preferito i fornelli a gas rispetto a quelli ad induzione per motivi di costo?
    Non avresti evitato diverse problematiche di sicurezza relative al gas e visto il sovradimensionamento del fv anche dei costi per la corrente richiesta non esagerati?

    Lettura molto interessante comunque, mi e’ stato suggerito questo blog lunedi’ ad un convegno Viessmann.

    Andrea.

  5. 6

    ciao Andrea,
    grazie della visita al blog,
    in realta la scelta della soluzione fuochi a gas è stata dettata dal fatto che “la cuoca”, mia moglie, non si trova molto bene con quel tipo di cottura. Dalle prove, ricerce e confronti fatti con cuochi ed esperti la cucina ad induzione funziona molto bene ma ha delle lacune ancora per effettuare alcuni tipi di cottura, per preparare cibi a cottura molto lenta, come marmellate o per tirare un primo come si deve.
    nulla contro l’induzione, anche se mi avrebbe obbligato ad avere un contatore da 10 kw non da 6 come adesso in quanto alla sera, specialmente in inverno non mi sarebbero serviti i kw per soddisfare le esigenze di tutta la casa più un piano cottura ad induzione. In una fase dei ragionamenti abbiamo anche valutato di mettere 4 fuoci a gas e due ad induzione ma poi così ci sarremmo complicati ancor più la vita, due tipi di pentole, comunque realizzare la linea del gas…..
    Ti confesso che sotto il piano cottura ho predisposto una linea per poter un giorno togliere gli attuali fuoci e inserirne uno ad induzione.

    • 7

      Mauro said,

      Grazie per il blog, la tua esperienza è stata utile per la casa passiva che mi sto costruendo (Forlì)
      Non condivido le critiche al piano cottura ad induzione:

      Innanzi tutto la potenza massima di questi oggetti fa impallidire ma in realtà non viene mai raggiunta perché mettere tutti i fuochi al massimo significa cucinare per un esercito.
      Il mio è limitato a 2,8kW, il mio contratto ENEL è da 3kW e non ho problemi.

      In secondo luogo non capisco il problema della cottura lenta… Anzi lo trovo vantaggioso soprattutto per la maggior precisione di regolazione che mi consente di cuocere con coperchio chiuso, senza attacare le pitetanze al fondo.

      Infine si puo pensare di affiancare una cucina a gas tradizionale con un piccolo piano induzione da 2 fuochi per sfruttare il meglio delle 2 tecnologie.

      • 8

        Grazie Mauro per la tua condivisione.
        Probabilmente la prova che abbiamo fatto e i consigli che a suo tempo raccogliemmo (parliamo orami di 5 anni fà) ci avevano distolto da questa tecnologia. Siccome ero sicuro che comunque il futuro fosse questo tipo di cottura ho predisposto già la possibilità di poter sostituire l’attuale piano cottura con uno di tipo ad induzione nel caso in futuro avessimo maturato la consapevolezza e competenza giusta per fare anche questo cambiamento. Grazie per la tua preziosa condivisione.


Comment RSS · TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 45 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: